Viscerotica

Viscerotica, con le sue poesie, racconta il rapporto di coppia fatto di eccessi, e sfumature. Con versi dolci e delicati, sfrontati e passionali, Viscerotica ti accompagna nell'erotismo morbido e sensuale per mostrare ciò che a volte desideri, ma non osi confessare. Viscerotica è il lato raffinato del proibito e, poesia dopo poesia, ti seduce l'anima.

È dalla scorsa primavera

È dalla scorsa primavera (periodo del confinamento domiciliare) che non riesco a leggere romanzi. Da maggio ne ho letti (o riletti) quattro, e tutti con estrema lentezza - e pensare che ero capace di divorarmi un libro anche in una notte quand’ero preda dell’insonnia. La forma romanzo mi è divenuta quasi ostile, incapace, nella sua … Continua a leggere È dalla scorsa primavera

Riflessione sul mondo della piccola editoria

Riflessione sul mondo della piccola editoria. Da mesi sto cercando un editore per dare alle stampe la mia nuova silloge e, tra le otto case editrici da me contattate, ho ricevuto due risposte – credetemi, un 25% è già un successo, anche qualora il manoscritto venga rifiutato (solitamente è difficile ricevere una qualsiasi risposta). Ho … Continua a leggere Riflessione sul mondo della piccola editoria

2020/2021

Ti auguro un buon anno, cara lettrice/lettore, magari ricco di buone nuove, e piacevoli incontri. Il 2020 lo chiudo elencando i 5 articoli del blog più letti e, uno di questi, mi ha sorpreso assai (a te scoprire quale sia) Ho una cicatrice indelebileDi cosa parliamo quando parliamo d'amoreOrganismo dissolutoDedicaIndossatrice Indossatrice è una piccola parte … Continua a leggere 2020/2021

Poco male, è domenica

La domenica è un contenitore di paure e di immagini del tipo: orizzonti innevati e strade strozzate – a completare il quadro l’antologia di Spoon River. Sai, nella sincerità del tuo sorriso ho concepito un altro me stesso: per domani prevedo barba bianca. Poco male, è domenica, e anche oggi ho alimentato la mia morbosa … Continua a leggere Poco male, è domenica

Oggi ti ho inviato un messaggio

Oggi ti ho inviato un messaggio per descrivere i miei pensieri tralasciando mattonelle e fughe. Il grigio m'è esploso dentro, poco male, sto bene così. nelle parole digitate sullo schermo in forma ridotta per evitare di invadere gli spazi, ho sorvolato (volutamente) sui restanti pensieri; parlano di mattonelle panna e fughe grigie; d'implosioni intime e … Continua a leggere Oggi ti ho inviato un messaggio

è all’imbrunire

È all'imbrunire quando i veicoli solcano l'aria che mi sento silente. Magari lì fuori si inventano nuove monotonie cicliche, magari si scoprono nuove armonie chimiche; ma io silenzio. La poesia è per le anime solitarie, dicono, ma smentita dimora nella mia mente: crogiolo di voci mute. SE VUOI SOSTENERE LA MIA CREATIVITÀ CLICCA AL SEGUENTE … Continua a leggere è all’imbrunire

È l’era de…

È l’era dello spread allargato, e dei vaccini impestati; dei vaffa forcaioli contro le scatolette di tonno, e del motto corale è colpa del commercialista. È l’era del confinamento sociale a responsabilità individuale, e del fuori i nomi; degli esperti a chilometro zero, e delle energie rinnovabili (come la tessera del supermercato). È l’era degli … Continua a leggere È l’era de…

Hanno previsto temporali

Hanno previsto temporali, per oggi, poco male, mi bagnerò. Il vero problema risiede nell'incerta grammatica esistenziale espressa dal fornaio. Ci capiamo a stenti, direi mai, e tappare quel buco allo stomaco sempre più abisso, è impresa ormai impossibile. Vorrei terminare questa poesia con dei versi alti, imponenti, ma l'unica immagine degna di tali aggettivi si … Continua a leggere Hanno previsto temporali

LA RUBRICA DEL MERCOLEDÌ: SONO…

Sono… è una poesia creata da pure immagini evocative. Parlare di significato esplicito o implicito è fastidioso. Sono convinto la poesia (in generale) vada letta, e fatta propria, per quel senso di smarrimento che sa donare. La poesia è irrazionale, non costruita a tavolino, ed è inutile costruirci castelli abbarbicati su monti nebbiosi. Sono… è … Continua a leggere LA RUBRICA DEL MERCOLEDÌ: SONO…

Oggi, quindici giugno duemilaventi

Oggi, quindici giugno duemilaventi è ottobre inoltrato. Il cielo è pietosamente grigio, e la bassa pressione mi schiaccia a terra senza doversi sforzare più di tanto. Al di là dalla vetrata qualche macchina passa, e delle voci arrivano dall'attività commerciale qui a fianco. Lungo la strada, oggi, ho trovato un uccello morto e qualche pedone … Continua a leggere Oggi, quindici giugno duemilaventi

Lecco dita grondanti umore

Lecco dita grondanti umore e sapori intrisi di piacere. La schiena inarcata mi offre i tuoi spasimi caldi, salati. Ancora qualche battito cardiaco prolungato a trattenere un ritmo forzoso, e poi l’oblio. https://www.youtube.com/watch?v=JhY9GOhFwN4 che mondo piatto e monotono senza i Judas Priest Di luce e di oscurità, la mia silloge, è possibile (tra l'altro) acquistarla … Continua a leggere Lecco dita grondanti umore

Lutto

Trascinate dal vento, gelide correnti invernali mi sbattono a terra. Alberi spogli empatizzano coi sospiri. Calano, i becchini, le parole morenti. Lascio. Poche righe. Lieve sorriso accennato in punta di piedi. Di luce e di oscurità è acquistabile QUI, oppure potete contattarmi per avere una copia personalizzata 🙂

Una mattina qualunque di un grigio Gennaio

Gennaio è alle porte da tempo, ma il cielo anche in questa giornata è bigio. La nevicata di ieri si mostra sulle cime, e il vento gelido ha deciso di dare tregua.
Era gennaio, e in compagnia di L trascorsi una delle mattine più intense degli ultimi anni.
Rischiamo del farci del male se dovessimo rivederci, così mi disse, e la sua lucidità mi trafisse il cuore (in positivo).
Era gennaio e oggi, come in quella mattinata, il cielo è di un grigio stupendo 🙂

SPORE POETICHE

Nell’agenda blu sprazzi di idee s’inseguono senza coerenza.

E le pagine bianche: cuscini turchese per coricarsi su polvere di cacao.

[…] e la vetrata incornicia la Questura; tavolini vuoti affollano il marciapiede.

Tratteggerei con piacere i lineamenti del bigio cielo, e dei tanti scolari (volti cupi a tratti adombrati).

Un autobus svolta e nell’agenda blu annoto scorci di un mondo girevole.

Nel breve istante della nascita di un’idea ho associato un nome all’asse di rotazione.

View original post