Non sono

Non sono l’immagine allo specchio, le verità acquisite o le etichette sbiadite.

Non sono gli errori genitoriali, gli occhi di un padre o le paure di una madre.

Non sono un pensiero futurista, un radicamento nel passato, né questo istante sbiadito.

Rinnego il tempo che fu e le riproduzioni che non m’appartengono.

Ora, odo la pioggia e il vento autunnale. E niente più.

Serve altro?