L’uomo dei boschi di Pierric Bailly (Edizioni Clichy, 2018 – traduttore Tommaso Gurrieri)

L’uomo dei boschi di Pierric Bailly (Edizioni Clichy, 2018) è, a mio avviso, un diario sentimentale.

Riscoprire il proprio padre dopo la sua morte ripercorrendone la vita, e ricostruendo le sue ultime ore, è un viaggio sentimentale che poco ha a che vedere con il romanzo, a mio avviso. E questo aspetto lo rende bello perché L’uomo dei boschi è un libro sincero. Bailly racconta del proprio padre, parla dei propri sentimenti. E lo fa senza enfasi, né retorica.

L’ho letto tutto d’un fiato, e non perché la trama sia incalzante. L’ho letto senza pause perché viene a crearsi uno strano legame con il padre, quando questi muore, e il racconto di Bailly ne è una testimonianza tangibile.

Consiglio la lettura de L’uomo dei boschi perché è uno di quei libri che aiuta ad affrontare il lutto.


La lista completa delle recensioni la trovate QUI

I miei racconti li trovate QUI

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...