Le volpi pallide di Yannick Haenel (Edizioni Clichy, 2015 – traduttrice Barbara Puggelli)

le volpi pallide

Le volpi pallide di Yannick Haenel (Edizioni Clichy) è un romanzo tremendamente attuale.

Un uomo, abbandonando fasulle comodità, sceglie di vivere nella propria automobile trascorrendo le proprie giornate, e le notti, vagabondando per le strade e i locali parigini. In queste escursioni fisiche e filosofiche, oltre a incontrare personaggi decisi a cambiare l’attuale sistema politico, scopre, tracciate sui muri, scritte inneggianti alla rivolta.

Le frasi insurrezionali sono da attribuirsi alle Volpi Pallide, gruppo rivoluzionario di persone senza documenti che prende il nome da un dio maliano.

Haenel, raccontando le giornate di una persona che ha deciso di “chiamarsi fuori” dall’attuale modello economico, scrive un inno anarchico incendiario. Ogni pagina trasuda di critica all’attuale ipocrisia in cui siamo immersi; ed elevando lungo le strade di Parigi l’urlo dei cosiddetti “ultimi”, il romanziere ci porta a interrogarci sul mondo che stiamo “costruendo” giorno dopo giorno.

Le volpi pallide va letto per due motivi: il primo, per mettere in discussione la propria quotidianità; il secondo, per rivedere con sguardo critico le politiche proposte dai vari Governi.

Leggetelo, non ve ne pentirete. Pochi romanzi sono globali, e ancorati alla realtà, come Le volpi pallide.

Annunci

Un pensiero riguardo “Le volpi pallide di Yannick Haenel (Edizioni Clichy, 2015 – traduttrice Barbara Puggelli)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...