Pubblicato in: informazioni, pubblicazioni, racconti

Diafonie – The shelter of books

Buongiorno amiche e amici, oggi vi lascio con la recensione di Diafonie. Microfisica dei piccoli gesti che potete trovare nel blog The shelter of books. Per leggerla cliccate QUI.

E voi, lo avete letto? Cosa ne pensate delle parole di Maria? Siete interessati ad averne una copia? Fatemi sapere! 🙂

Annunci
Pubblicato in: informazioni, pubblicazioni

Valbelluna – Alvisiana

Domenica ho redatto la mia prima cronaca di un incontro di pallacanestro femminile. Una prova dura per il sottoscritto, soprattutto per la dinamicità del gioco.

Nonostante mancassero di esperienza, e giocassero contro una squadra forte e “di mestiere”, le ragazze di Belluno hanno dato il meglio fino all’ultimo secondo. Lo spirito sportivo corretto per dimostrare che non sempre conta il risultato!

Se siete curiose/i di leggere la mia cronaca, cliccate QUI.

Pubblicato in: informazioni, racconti

Pellicole cinematografiche

Buongiorno amiche e amici, oggi vorrei parlare di cinema. È una mia passione, e confesso che amo scorrazzare nel mondo delle pellicole. E così, giusto per farvi entrare nella mia testolina bacata, ho deciso di dirvi quali siano i film che maggiormente hanno influenzato il mio immaginario.

pellicole cinematografiche 1

Ne ho elencati tredici e li ho ordinati per anno di uscita nelle sale. Tengo a precisare che la mia scelta va oltre la trama anche se, le pellicole menzionate, sono fondate su storie meravigliose. Il cinema è immagine, e la carica evocativa di queste opere è stata talmente forte da avermi trasmesso molte sensazioni, a volte contrastanti.

Alcune di pellicole trattano temi forti, fatevi una buona ricerca prima di visionarli. Non è mia intenzione narrarvi la trama o dibattere sul loro contenuto. Posterò solamente il trailer o una sequenza (cliccate sopra al titolo) senza influenzare, in tal modo, la vostra curiosità.

pellicole cinematografiche 2

C’è un’unica cosa ancora da dirvi: buona visione!

  1. Vampyr (1932) di Carl Theodor Dreyer
  2. Il settimo sigillo (1957) di Ingmar Bergman
  3. Due o tre cose che so di lei (1966) di Jean-Luc Godard
  4. Cuore di vetro (1976) di Werner Herzog
  5. Buio omega (1979) di Joe D’Amato
  6. Stalker (1979) di Andrej Arsen’evič Tarkovskij
  7. Possession (1981) di Andrzej Żuławski
  8. Delitto e castigo (1983) di Aki Kaurismäki
  9. Tetsuo the iron man (1989) di Shinya Tsukamoto
  10. Sátántangó (1994) di Béla Tarr
  11. Antichrist (2009) di Lars Von Trier
  12. Guilty of romance (2011) di Sion Sono
  13. Laurence anyways di Xavier Dolan

Ce ne sarebbero tanti altri da inserire, ma questi hanno avuto un maggior impatto visivo-emozionale sul sottoscritto.

E i vostri quali sono? Fatemelo sapere che sono curioso! 😀

Pubblicato in: fotografie, pensieri

.

È difficile parlare in momenti drammatici cercando di non risultare patetico. Il silenzio è eloquente quanto le parole. Ma tacere non voglio, e spero vivamente di non risultare patetico.

Ho ripescato, dal mio marasma fotografico, due immagini scattate dal monte Lastia di Framont. Era una bella giornata di metà settembre 2011 (uno dei tre mesi magici per salire in quota se ami la montagna) e immortalai Agordo e Taibon Agordino.

Il comprensorio del Civetta-Moiazza è parte di me, e molte mie poesie sono nate tra quei sentieri dolomitici, seduto su qualche masso a prendere il sole in compagnia di camosci e marmotte, o chiacchierando con qualche altro solitario come me.

Belluno è la provincia in cui ho deciso di ricominciare la mia vita azzerando molte situazioni. Se si amano bellezza e natura provincia migliore non c’è, credetemi.

Sono giorni che la provincia è martoriata dal maltempo, e la pioggia sembra voglia durare in eterno. L’Agordino, più di altre valli, ha subìto, e sta vivendo, una situazione difficile. Prima un incendio spaventoso, poi acqua e vento devastatori.

E qui mi fermo, lasciandoti le due immagini di cui ti parlavo poche righe sopra. La prima è una vista su Agordo, la seconda su Taibon Agordino e la Valle di San Lucano.

Ora è tutto diverso…

P.S. sotto le immagini troverai un link; a volte basta poco.

. 1. 2

Se hai voglia di donare anche solo un caffè a chi sta vivendo momenti drammatici, lascio un utile link della Regione Veneto. Clicca QUI!

Pubblicato in: fotografie, poesie, racconti

riepilogo mese di Ottobre

Il mese scorso, per vari motivi personali e non, ho trascurato il mondo dei social (certamente non è un dramma). Comunque, anche se assente con costanza, ho pubblicato qualcosa: una poesia intitolata Sole spento, un racconto di sei parole prospettiva per un solido futuro, e ho parlato di Il sale di Jean-Baptiste Del Amo (Neo Edizioni, 2013 – traduttrice Sabrina Campolongo) edito da Neo Edizioni. E ho raccontato due vicende lavorative diametralmente opposte. La prima, Mobbing, è una situazione che non auguro a nessuno. La seconda, Alpina Belluno,mi auguro sia un viaggio capace di portarmi lontano (sicuramente mi arricchirà umanamente parlando).

Spero di intrattenervi senza annoiarvi, in questo mio piccolo spazio. Buon novembre a tutti 🙂

Pubblicato in: fotografie, poesie

Sole spento

L’autunno morente

mi concede ali di gabbiano

e pensieri increspati.

 

Nel cielo sanguigno

si stagliano torri sagomate

affiorate dal gelido mare.

 

Gli ultimi raggi solari?

Li ha inghiottiti l’orizzonte

in quella linea sottile impossibile da afferrare.


P.S. nella mia memoria bislacca ricordavo un pezzo dei Timoria intitolato Sole Spento; gli interessati possono cliccare QUI 

sole spento

Pubblicato in: informazioni, pubblicazioni

Alpina Belluno

Domenica è iniziata, per il sottoscritto, una nuova collaborazione molto interessante e stimolante. Per il Corriere delle Alpi seguirò alcune partite di calcio dilettantistico occupandomi della cronaca e delle interviste a fine gara.

Approdare alla carta stampata, iniziando dallo sport, è una vera e propria sfida. Ma non aggiungo altro, rischio di tediarvi. Per chi fosse interessato a leggere qualche stralcio del mio primo articolo, non rimane che cliccare QUI.