Una voce a transistor blatera

Una voce a transistor blatera che andrà tutto bene, sarà…

Intanto conto le ore inclinate che scivolano verso il baratro delle domande esistenziali: è un passatempo come altri.

Il cane al di là dalla strada festeggia il passaggio dei bambini e ulula alle sirene d’emergenza sfreccianti sull’asfalto. Uno scopo esistenziale lui ce l’ha.

Passa un uomo e mi racconta della propria scala acquistata in un tempo in cui non ero ancora apparso: è soddisfatto. Decifro il suo italiano balcanizzato e lo invito a tornare per scoprire l’arte d’un maestro metallico: mi rendo utile nel processo creativo.

Avete mai notato la dilatazione dei pomeriggi di fine primavera? Appaiono un nastro di gomma essiccato sull’asfalto.

Ieri è stata una bella giornata (ma non quanto quella odierna) e tutto quel splendore l’ho in canalizzato in un unico suono: ah! – Vi sfido a produrre una sintesi più eloquente e ristretta di questa.

2 pensieri riguardo “Una voce a transistor blatera

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.